Benvenuto su BAUBAU.EU
Login/Create an account |
HomeTopicsYour AccountSubmit News  


home.gif Home

community.gif CommunityShow/Hide content
arrow.gif Forum
arrow.gif Regolamento
· ForumAppelli
utenti.gif UtentiShow/Hide content
arrow.gif Profilo Utente
contenuti.gif Notizie utiliShow/Hide content
arrow.gif Condominio
arrow.gif Vacanza
arrow.gif PetTherapy
arrow.gif Salute
arrow.gif Bravo Padrone
arrow.gif Normativa
arrow.gif Moduli denunce
arrow.gif Psicologia
arrow.gif Gatti
info.gif InfoShow/Hide content
arrow.gif Passaparola
arrow.gif Statistiche
arrow.gif Linkaci
showpic1.gif Links Amici
showpic7.gif Banner & LinkShow/Hide content
arrow.gif Banners
arrow.gif Altri Links
showpic3.gif AlimentazioneShow/Hide content
arrow.gif Gatto
arrow.gif Cane
showpic5.gif SvagoShow/Hide content
arrow.gif Gif Animate
arrow.gif Sfondi
arrow.gif Video
arrow.gif Pps
web.gif RecensioniShow/Hide content
arrow.gif Schede Animali
news.gif Ringraziamenti



è anche su





Rubrica di
psicologia canina





Memo

BauBau




 




Verifica la provenienza del microchip

Problemi da separazione (Prima parte)





Io da solo non ci rimango!!! (Prima parte)


Uno dei problemi comportamentali più seri per i proprietari di cani è la difficoltà di lasciare solo il proprio compagno a quattro zampe. L’incapacità di gestire la solitudine si può manifestare secondo diverse modalità, il cane può cioè:
- abbaiare e/o ululare
- distruggere e/ rosicchiare oggetti
- fare i bisogni in casa
- leccarsi o mordersi fino a provocarsi ferite (autolesionarsi)
Questi comportamenti possono essere più o meno intensi a seconda della gravità del problema, e possono verificarsi anche in modo combinato. Vale a dire che ci sono individui che si limitano ad abbaiare e individui che invece manifestano contemporaneamente più di un comportamento sopra elencato.
E’ importante sottolineare che esiste una lunga letteratura sui problemi da separazione e che esistono diverse scuole di pensiero sia nella definizione del problema che nella terapia necessaria alla risoluzione. In questa sede si descriverà il fenomeno in modo generico affinché sia comprensibile a tutti.
Il primo passo è capire se si tratta di un vero e proprio problema comportamentale oppure no: ad esempio, se il cane rimane solo 12 ore al giorno potrebbe passare il tempo facendo buche in giardino o distruggendo oggetti. L’animale in questione potrebbe non soffrire di un problema da separazione, ma semplicemente affrontare “da cane” la noia, trovare un modo per distrarsi ed impegnarsi fisicamente e psicologicamente; probabilmente rimarrebbe tranquillo se l’intervallo di tempo in cui è lasciato solo non oltrepassasse le 6-7 ore.
Il secondo passo, una volta appurato che si tratta di un vero e proprio disturbo del comportamento, è capire che l’animale vive un disagio e che si comporta in un certo modo per alleviare la sua “sofferenza” (un uomo nei momenti di stress può mangiarsi le unghie, un cane rosicchiare il divano nuovo). Non si tratta di dispetti, né di comportamenti mirati a suscitare rabbia da parte del referente umano. Il dispetto è un atto cognitivo troppo complesso per un cane, la mente dei nostri amici è da questo punto di vista più elementare della nostra e non è stato provato che il cane sia in grado di ragionare in questi termini. La realtà è più semplice: il cane vive un momento psicologicamente difficile e mette in atto una serie di attività per trovare conforto.
Per un animale sociale la separazione dal resto del branco può mettere a rischio la stessa sopravvivenza. In natura stare insieme è fondamentale per difendersi dai pericoli, per cacciare, per crescere la prole etc. Ma il cane è diventato, attraverso lunghi processi di domesticazione, un animale in grado di adattarsi a vivere con l’uomo moderno. Ciò prevede che sia in grado di “sopravvivere” (nel senso di “vivere serenamente”) anche da solo per diverse ore al giorno. I cuccioli dovrebbero anche per questo essere abituati gradualmente a rimanere soli anche qualora non ce ne fosse stretto bisogno. Il distacco (dalla mamma e poi successivamente dal proprietario) è infatti un processo assolutamente indispensabile al corretto sviluppo psicologico del piccolo che, diversamente, potrebbe crescere come un individuo morbosamente dipendente ed insicuro.
Spesso i cani che soffrono di problemi da separazione si comportano in modo ossessivo anche durante la presenza del proprietario:
- seguono il proprietario ovunque, mal tollerando a volte che questi si chiuda in bagno per una doccia o esca per un minuto a gettare la spazzatura
- non riescono a dormire in una stanza diversa da quella in cui si trova il proprietario
- dormono sui letti e sui divani cercando continuamente un contatto fisico
- chiedono in continuazione ed in vario modo coccole e carezze
- si eccitano esageratamente al rientro del proprietario, saltando addosso, uggiolando, non riuscendo a salutare in modo equilibrato

(Per sapere cosa fare per risolvere il problema basterà leggere la seconda parte dell’articolo.)

a cura di Sara Di Nepi
Educatore Cinofilo Comportamentalista









Copyright © by BAUBAU.EU Tutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2008-01-27 (1776 letture)

[ Indietro ]
Content ©

In applicazione della legge n. 62 del 07.03.2001, si precisa che il presente sito viene aggiornato ad intervalli irregolari.


BauBau.eu è un Sito che non si occupa solo di cani, ma di tutto il mondo animale. Cerchiamo di liberare dalle gabbie i cani ospiti dei canili. E' puramente informativo e amatoriale. Tutti i contenuti sono frutto della continua ricerca in rete di informazioni e notizie utili da parte dell'Amministrazione.
BauBau.eu non è legato ad associazioni animaliste. Il suo scopo è solo la visualizzazione degli appelli dei cani rinchiusi in canile. L'Amministrazione si dissocia da qualunque commento che non riguarda gli appelli dei cani e ne declina ogni responsabilità all'autore.
Tutte le immagini e i contenuti sono di proprietà di BauBau.eu: la loro diffusione è consentita solo nei termini di sponsorizzazione degli appelli.



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.45 Secondi